Materiali / Download

Progetto RICACCI – Relazione generale finale

Reg. CE 1305/13 – Programma di Sviluppo Rurale della Regione Toscana 2014/2020 – Bando Multimisura per Progetti Integrati di Filiera – Annualità 2015 – PIF FOGLIE – Sottomisura 16.2 – “Sostegno a progetti pilota e di cooperazione”.

PROGETTO RICACCI – Recupero Innovativo Carbonizzazione e Attivazione di Certificazione “energetico-forestale” Coordinata e Inclusiva Relazione Conclusiva di Progetto.

Innovazione, energia e sostenibilità dell’economia circolare del bosco in Toscana

A Castel del Piano (Gr) lunedì 17 dicembre (ore 9.30). Dopo il convegno si svolgerà anche una visita al prototipo di forno di carbonizzazione realizzato con il progetto Ricacci

Si svolgerà lunedì 17 dicembre 2018 (ore 9.30) all’Hotel Le Macinaie di Prato delle Macinaie, nel comune di Castel del Piano (Gr), il convegno finale del PIF Foglie (Progetto Integrato di Filiera / Filiera Organizzata del Gruppo Legname Innovativo ed Energia) dal titolo “L’economia circolare del bosco in Toscana: innovazione, energia, sostenibilità”. Nella seconda parte della giornata la visita al prototipo di forno di carbonizzazione con il progetto Ricacci.

Prima Sessione (ore 9:30) Hotel Le Macinaie – Saluti istituzionali: Claudio Franci, Sindaco di Castel del Piano; Giampiero Secco, Sindaco di Seggiano; Jacopo Marini, Presidente Unione dei Comuni Montani Amiata Grossetano Fiorenzo Caselli, Presidente Consorzio Forestale dell’Amiata e Capofila Pif Foglie. Coordina Marco Failoni, Responsabile Sviluppo e Territorio Cia Toscana.

Introduzione ai lavori: Francesco Giubbilei e Francesco Perugini, Tecnici Pif Foglie. Presentazione risultati del Progetto Integrato di Filiera FOGLIE: Giovanni Alessandri, Coordinatore PIF FOGLIE e Progetto RICACCI;

Presentazione del Progetto RICACCI (sottomisura 16.2): Sottoprogetto Carbonizzazione, presentazione risultati con Angela Lo Monaco, Prof.ssa Università degli Studi della Tuscia – DAFNE Processo di carbonizzazione del legno, dettagli di una tecnologia antica con ottime prospettive future; Paolo Franchi, Tecnico Consorzio Forestale dell’Amiata Nuovi sistemi e prospettive nella carbonizzazione della legna; Rodolfo Picchio, Prof. Università degli Studi della Tuscia – DAFNE Il prototipo di forno mobile per la carbonizzazione del legno, risultati e possibilità di implementazione; Rachele Venanzi, Assegnista di Ricerca Università degli Studi della Tuscia – Dafne Caratterizzazione del carbone e prospettive d’impiego nei mercati attuali; Massimo Roggi, Tecnico B&C Technosystems s.r.l.; Solitario Nesti, Next Techonology Tecnostessile La prototipazione del forno di carbonizzazione: problematiche affrontate

Sottoprogetto Certificazione Biomass Plus, presentazione risultati – Simone Baglioni, presidente Soc. Coop. Agr. Eco Energie, Capofila Progetto Ricacci La filiera bosco-legno-energia virtuosa sul territorio toscano. L’esperienza della Soc. Coop. Eco Energie; Stefano Campeotto, Tecnico Aiel; Stefano Grigolato, Prof. Università degli Studi di Padova – Tesaf Sostenibilità della Filiera bosco-legno-energia e qualità dei biocombustibili legnosi e applicazione della certificazione BIOMASS Plus in Toscana.

Interventi: Antonio Brunori, Segretario PEFC Italia Esempi virtuosi di filiere forestali locali certificate

Conclusioni: Gennaro Giliberti, Dirigente resp. produzioni agricole, vegetali e zootecniche, promozione – Direz. Agricoltura e Sviluppo Rurale della Regione Toscana

Seconda Sessione – ore 15,30 – Loc. Capo Vetra (Seggiano) Visita al prototipo di forno di carbonizzazione realizzato con il Progetto Ricacci.

11 maggio. Firenze: “Che futuro per la politica di coesione dopo il 2020?”

L’evento si svilgerà l’11 maggio 2018 alle ore 15 al Teatro della Compagnia (via Cavour 50/r, Firenze). Iscrizioni aperte fino al 2 maggio.

La Regione Toscana, in partenariato con il Comitato europeo delle Regioni (CdR) e la Commissione europea (CE), organizza un dibattito dal titolo “Quale politica di coesione dopo il 2020?” alla presenza del Presidente Enrico Rossi, del Commissario europeo per la politica regionale Corina Crețu, del Presidente del Comitato europeo delle Regioni Karl-Heinz Lambertz e del Presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani.

L’incontro rientra nel ciclo di “Dialoghi con i cittadini” che stanno accompagnando le celebrazioni del 60° anniversario del Trattato di Roma, con l’obbiettivo di far partecipare i cittadini alla riflessione sul futuro dell’Unione Europea. In tale direzione il Comitato europeo delle regioni (CdR) ha lanciato un ampio processo di ascolto dei territori denominato “Reflecting on Europe” a cui l’evento di Firenze intende contribuire, al fine di riportare le principali preoccupazioni e proposte dei cittadini e stakeholders sul futuro dell’Europa all’attenzione delle istituzioni europee.

I contributi  raccolti durante l’iniziativa di Firenze, insieme quelli degli oltre 150 eventi organizzati dal 2016 in 26 paesi UE (14.000 persone già coinvolte) saranno parte integrante del parere sul futuro dell’Europa che il Comitato europeo delle regioni adotterà ad ottobre 2018  per poi essere presentato al Consiglio e alla Commissione europea entro la fine del 2018.

QUANDO E DOVE
Venerdì 11 maggio 2018, ore 15 – Teatro della Compagnia via Cavour 50/r (Firenze)

ISCRIVITI ALL’EVENTO
Compila il form online (è possibile iscriversi fino al 2 maggio 2018)

PARTECIPA AL DIBATTITO 
Compila il questionario “Di’ la tua sul futuro dell’Europa”


Vai alla pagina dedicata sul sito della Regione Toscana


FOCUS

Cosa è la politica di coesione. La politica di coesione è la principale politica di investimento dell’Unione europea. Sostiene la creazione di posti di lavoro, la competitività tra imprese, la crescita economica, lo sviluppo sostenibile e il miglioramento della qualità della vita dei cittadini in tutte le regioni e le città dell’Unione europea

Cosa sono i fondi strutturali. L’attuazione della politica di coesione passa attraverso tre fondi principali:

  • Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR): mira a consolidare la coesione economica e sociale regionale investendo nei settori che favoriscono la crescita al fine di migliorare la competitività e creare posti di lavoro. Il FESR finanzia, inoltre, progetti di cooperazione transfrontaliera.
  • Fondo sociale europeo (FSE): investe nelle persone, riservando speciale attenzione al miglioramento delle opportunità di formazione e occupazione. Si propone, inoltre, di aiutare le persone svantaggiate a rischio di povertà o esclusione sociale.
  • Fondo di coesione: investe nella crescita verde e nello sviluppo sostenibile e migliora la connettività negli Stati membri con un PIL inferiore al 90 % della media UE a 27.

Con il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) e il Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca (FEAMP), i fondi appena descritti costituiscono i Fondi strutturali e di investimento europei

Chi può richiedere i finanziamenti. La Commissione collabora con gli Stati membri e le regioni per elaborare accordi di partenariato e programmi operativi che delineino le priorità di investimento e le esigenze di sviluppo. Le autorità di gestione degli Stati membri gestiscono i programmi e selezionano i singoli progetti. Sono potenziali beneficiari dei fondi gli enti pubblici, le imprese (in particolare le PMI), le università, le associazioni, le ONG e le organizzazioni di volontariato. Le domande di finanziamento devono essere presentate all’autorità nazionale o regionale che gestisce il programma del caso.

27 aprile 2018. Calore rinnovabile dal cippato per i comuni montani della Toscana e del Centro Italia

Progetto Ricacci. Azioni concrete per contrastare i cambiamenti climatici e sviluppare l’economia locale

Venerdì 27 aprile 2018 a partire dalle ore 9:30, al Palagio Fiorentino di Stia (via Vittorio Veneto), si svolgerà il 227seminario tecnico “Calore rinnovabile dal cippato per i comuni montani della Toscana e del Centro Italia”.

PROGRAMMA

  • ore 9.30 – Registrazione dei partecipanti
  • ore 9.45 – Apertura dei lavori, moderatore Marco Failoni, Cia Toscana
    Interventi di saluto
    Niccolò Caleri, Sindaco di Pratovecchio-Stia
    Valentina Calbi, Presidente Unione Comuni Montani del Casentino
    Chiara Innocenti, Presidente Cia Arezzo
  • ore 10.00 – Sessione 1 – Sviluppo efficiente e sostenibile della filiera: il progetto PIF FOGLIE
    Introduzione, Giovanni Alessandri, coordinatore del progetto PIF FOGLIE
    “Sostenibilità della Filiera bosco-legno-energia e qualità dei biocombustibili legnosi”
    Stefano Campeotto, Aiel
    “I produttori professionali di cippato in Toscana: operatori, mercato e prezzi”
    Carlo Franceschi, Aiel
  • ore 10.45 – Sessione 2 – Filiera del cippato in Toscana e meccanismi incentivanti per i Comuni, le famiglie e le imprese
    “Bando Misura 7.2 del PSR della Regione Toscana: incentivi per moderni impianti a biomasse pubblici”
    Giovanni Filiani, Regione Toscana
    “Conto termico 2.0: incentivi per la riqualificazione di impianti a gasolio e biomasse:istruzioni applicative e casi pratici per i Comuni, le famiglie e le imprese”
    Valter Francescato, Direttore tecnico di Aiel
    “Minireti di teleriscaldamento a biomasse e solare termico: aspetti tecnico-economici ed esempi applicativi”
    Riccardo Battisti, Ambiente Italia
  • Conclusionie dibattito, Domenico Brugnoni, Presidente Aiel
  • ore 12.45 – Buffet con prodotti tipici del Casentino
  • ore 14.00 – Sessione 3 – Visita alla miniretedi teleriscaldamento a cippato di Rassina: sinergia pubblico-privata
    Simone Baglioni, ECO-ENERGIE Soc. Coop. Agricola
    Massimiliano Benedetti, Erre-Energie

Allegati: SCARICA IL PROGRAMMA IN FORMATO PDF

Il materiale di Aiel: 20180427_aiel_programma